Grecia, la mossa di Tsipras: “Il 5 luglio referendum sulla proposta dei creditori”

da Repubblica

ATENE – La svolta drammatica nella crisi greca arriva a ridosso della mezzanotte. Alexis Tsipras annuncia che “il popolo sarà chiamato” domenica 5 luglio a votare il referendum sulla proposta dei creditori. Il premier ellenico ha detto di essere stato costretto a indire la consultazione perchè i partner dell’Eurogruppo hanno presentato un ultimatum alla Grecia che è contro i valori europei per cui “siamo obbligati a rispondere sentendo la volontà dei cittadini”. In un discorso televisivo dai toni enfatici, afferma: “Ci hanno chiesto di accettare pesi insopportabili che avrebbero aggravato la situazione del mercato del lavoro e aumentato le tasse”.
Per Tsipras l’obiettivo di alcuni dei partner europei è proprio l’umiliazione dell’intero popolo greco. L’annuncio alla nazione dopo una riunione di emergenza, nella notte, del governo. Durissimo il ministro dello Sviluppo, Panayiotis Lafazanis, che ha chiesto alla nazione di votare contro il piano internazionale voluto dai creditori. Stessa posizione espressa anche dal portavoce di Syriza in Parlamento. Un altro dei protagonisti di questi drammatici mesi di trattativa, il ministro dell’Economia Yanis Varoufakis, interviene invece con un tweet sul filo dell’ironia (“Buffo quanto suoni radicale il concetto che sia il popolo a decidere”.

L’EMERGENZA FINANZIARIA. Il vicepremier, George Katrougkalos, ha assicurato che il governo greco “non chiuderà le banche lunedì e non saranno introdotti controlli sui capitali”. E ha annunciato: “Il collega Yannis Dragasakis ed il caponegoziatore Euclid Tsakalotos vedranno oggi il presidente della Bce, Mario Draghi”. Il capo negoziatore greco, Euclides Tsakalotos, ha aggiunto che il premier ha parlato con Draghi e che il presidente della Bce ha dimostrato comprensione per la scelta del referendum. Nessuna dichiarazione, finora, da Francoforte.
Tsipras ha aggiunto che chiederà un’estensione di pochi giorni del programma di salvataggio della troika (Bce-Ue-Fmi), che scade il 30 giugno, per poter arrivare senza problemi a tenere il referendum del 5 luglio. Ma l’annuncio del referendum ha riaccelerato in piena notte la corsa dei greci ai bancomat. La banca Alpha ha addirittura sospeso le contrattazioni online secondo quanto riferisce lo stesso sito web dell’istituto, per impedire di spostare i soldi su altri conti.
L’OPPOSIZIONE. Tutta l’opposizione greca critica aspramente Tsipras per la scelta di ricorrere al referendum sostenendo che questa mossa porterà il Paese fuori dall’Europa. Il Pasok chiede le dimissioni del premier. I centristi di Potami rimproverano a Tsipras di non aver combattuto la sua battaglia nel cuore delle istituzioni europee. Per i conservatori di Nea Dimokratia il premier è un irresponsabile che ha portato la Grecia al totale isolamento nell’Unione.